Risultati ancora positivi per Cnh Industrial

Cnh Industrial ha presentato i risultati del trimestre conclusosi il 30 settembre 2023, registrando un utile netto di 570 milioni di dollari e un risultato diluito per azione di 0,42 dollari contro un utile netto di 559 milioni di dollari e un risultato diluito per azione di 0,41 dollari nel trimestre conclusosi il 30 settembre 2022. I ricavi consolidati sono stati pari a 5,99 miliardi di dollari (circa +2% rispetto al terzo trimestre 2022) e i ricavi di vendita netti delle Attività Industriali sono stati pari a 5,33 miliardi di dollari (circa -1% rispetto al terzo trimestre 2022).

Scott W. Wine

«Cnh ha ottenuto margini record nei segmenti Agriculture e Construction malgrado alcuni mercati inizino a mostrare segnali di debolezza – ha commentato Scott W. Wine, Chief Executive Officer–. Grazie al bilanciamento dei continui investimenti sul prodotto e sulla tecnologia e alla decisa politica di contenimento dei costi, la Società è ben posizionata per mantenere l’Eps Adjusted al livello target annuale di circa 1,70 dollari e realizzare margini più elevati nel lungo periodo. Alle iniziative di miglioramento, affiancheremo una ristrutturazione mirata con l’obiettivo di incrementare le efficienze operative e ottimizzare la nostra organizzazione. L’evoluzione della nostra tecnologia di precisione sta accelerando, parallelamente all’attuazione del piano di riduzione della dipendenza da terze parti nel lungo termine. Desidero ringraziare i nostri dipendenti e concessionari per il loro incessante impegno nel garantire che Cnh e i suoi marchi soddisfino le esigenze dei nostri clienti».

Ricavi di vendita netti in calo nel terzo trimestre

Fonte: Cnh Industrial

I dati dei primi nove mesi registrano quindi ricavi consolidati di 17,895 miliardi di dollari (+8% sul pari data 2022) e un utile netto di 1,722 miliardi (+22% sul pari data 2022).

Come riportato sopra, i ricavi di vendita netti delle Attività Industriali nel terzo trimestre sono stati di 5,33 miliardi di dollari, con un calo dell’1% a confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Questo calo è dovuto principalmente alla diminuzione della domanda nel segmento Agriculture, in particolare in Sud America e in Emea per quanto riguarda le mietitrebbie. I prezzi si sono mantenuti sostenuti in entrambi i segmenti Industriali e i ricavi di vendita netti del segmento Construction hanno fatto registrare un aumento pari a circa il 6%.

Il margine operativo lordo delle Attività Industriali è stato del 23,9% (23,0% nel terzo trimestre 2022), con un miglioramento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente nei segmenti Agriculture e Construction per effetto degli aumenti di prezzo e del miglioramento della performance operativa.

Riduzione costo del lavoro

La Società ha iniziato un programma di ristrutturazione immediato con l’obiettivo di ridurre del 5% il costo del lavoro. Questa iniziativa si accompagnerà a una razionalizzazione omnicomprensiva della struttura dei costi societaria da implementare all’inizio del prossimo anno. Tra le riduzioni in programma quest’anno e quelle previste nel corso del 2024, Cnh si aspetta un decremento dei costi pari al 10-15% del totale dei costi generali, amministrativi e di vendita (lavorativi e non). La Società prevede, inoltre, di incorrere in spese di ristrutturazione fino a 200 milioni di dollari.

Agricoltura

In Nord America il volume del settore è aumentato del 19% anno su anno nel terzo trimestre per i trattori di potenza superiore a 140 CV e ha registrato un calo del 7% per i trattori di potenza inferiore a 140 CV; la domanda di mietitrebbie è diminuita del 4% rispetto all’anno precedente. In Emea la domanda di trattori e di mietitrebbie è rispettivamente aumentata del 4% e diminuita del 18%. Il volume del settore nella sola Europa è diminuito del 7% per i trattori e del 40% per le mietitrebbie. La domanda di trattori in Sud America è diminuita del 16%, mentre quella di mietitrebbie è diminuita del 47%. La domanda di trattori nell’area Asia Pacifico è diminuita del 10%, mentre quella di mietitrebbie è aumentata del 33%.

I ricavi di vendita netti del segmento Agriculture sono diminuiti del 2,6% nel trimestre, attestandosi a 4,38 miliardi di dollari, principalmente per effetto del minore volume del settore, in particolare in Emea e Sud America, parzialmente controbilanciato da un buon mix di prodotti in Nord America e dagli aumenti di prezzo.

Il margine operativo lordo è stato del 25,6% (25,0% nel terzo trimestre 2022), in crescita di 60 punti base, per effetto degli aumenti di prezzo in tutte le regioni e della minore inflazione dei costi di produzione. L’Ebit Adjusted è stato di 672 milioni di dollari (666 milioni di dollari nel terzo trimestre 2022), con un margine Ebit Adjusted del 15,3% (14,8% nel terzo trimestre 2022).

La riduzione dei volumi dovuta alla congiuntura sfavorevole del settore è stata controbilanciata da un migliore mix di prodotti, un margine lordo più elevato e una lieve riduzione delle spese generali, amministrative e di vendita, mentre gli investimenti in Ricerca e Sviluppo hanno continuato a crescere attestandosi al 5,5% dei ricavi di vendita (4,3% nel 2022).

Il risultato derivante dalle controllate non consolidate è aumentato di 56 milioni di dollari nel trimestre, principalmente grazie alle JV.

Prospettive 2023

A causa dell’indebolimento delle condizioni del mercato finale, soprattutto in Sud America, la Società modifica le prospettive per il 2023 riguardo alle Attività Industriali come segue:

  • Ricavi di vendita netti (5) in crescita tra il 3% e il 6% rispetto all’anno precedente, compresi gli effetti della conversione valutaria
  • Spese generali, amministrative e di vendita in crescita di non più del 5% circa rispetto al 2022
  • Free Cash Flow delle Attività Industriali (6) tra 1,0 e 1,2 miliardi di dollari
  • Spese di ricerca e sviluppo e spese in conto capitale pari a circa 1,6 miliardi di dollari
  • Risultato diluito per azione adjusted atteso pari a circa 1,70 dollari.

Ampliati gli accordi con LS Tractor per rafforzare l’offerta di trattori compatti 

Cnh Industrial ha annunciato l’intenzione di ampliare la partnership di lunga durata con LS Tractor, la divisione trattori agricoli dell’Oem LS Mtron. La lettera d’intenti e l’accordo di cooperazione tecnica sottoscritti puntano a rafforzare l’attuale collaborazione con LS Tractor e ad ampliare l’offerta di prodotti, e guadagnare quota di mercato, migliorando il posizionamento dell’azienda nel segmento dei trattori compatti.

L’accordo definisce i termini, le condizioni finanziarie e industriali per la localizzazione della produzione di alcuni modelli di trattori compatti nel sito produttivo di Cnh a Greater Noida, India, e il sito produttivo di LS Tractor in Corea del Sud. Ciò consentirà di accrescere le capacità produttive di Cnh, i componenti e la progettazione di LS Tractor per velocizzare l’ingresso sul mercato e offrire nuove soluzioni ai clienti.

Cnh prevede che l’ampliamento dell’offerta di trattori compatti costruiti presso lo stabilimento di Greater Noida consentirà all’azienda di raggiungere un mercato più vasto, sfruttando allo stesso tempo la forza e la competitività della propria base di fornitori indiani.

LS Tractor è l’attuale distributore commerciale del marchio New Holland Agriculture di Cnh in Corea del Sud e vanta una collaborazione di oltre quattro decenni con i marchi storici di Cnh.

Risultati ancora positivi per Cnh Industrial - Ultima modifica: 2023-11-09T16:43:26+01:00 da Redazione Macchine e Motori Agricoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome